Gianluca Laliscia: a Tryon la pagina piú brutta di sempre dell’Endurance