Graziano Mancinelli, il padrone della vittoria