Ippica: la maledizione dell'eterno secondo