Stati Uniti a Dublino: la vittoria è donna