Una fotografia: il tempo e Roberto Arioldi