Bilancio positivo per il completo dell’Emilia Romagna

Competizione di buon livello, ottima location e tutto il fascino dell’eventing. Questa l’estrema sintesi del Campionato regionale di completo in Emilia Romagna

Bologna, 3 maggio 2024 – Gli sport equestri continuano a raccogliere grandi consensi in Emilia Romagna. Dopo il successo del Campionato Italiano di salto ostacoli, disputato a Cervia, lo scorso weekend è stato il completo a prendere la scena, questa volta allo storico Centro Ippico Ravennate, che ha ospitato l’edizione 2024 del Campionato Regionale della disciplina.

Specialità dall’ineguagliabile fascino, il completo è di casa al Ravennate che da sempre costituisce uno dei poli di maggior riferimento a livello nazionale. E anche per questa edizione del campionato regionale non ha certo tradito le aspettative né dei numerosi partecipanti, né del folto pubblico intervenuto a dare man forte ai concorrenti. Insomma, un bello spettacolo di sport con un apprezzabilissimo livello tecnico.

«Sono soddisfatto – ha dichiarato il presidente del Comitato regionale Fise Ruggero Sassi – perché è stato davvero un buon campionato. Tutto ha funzionato, la quota tecnica è stata di spessore, si è visto un buon livello sportivo e soprattutto concorrenti e pubblico si sono divertiti. Si sono divertiti i ragazzi e anche i genitori. È bello vedere il pubblico che applaude durante le premiazioni. Dopo tre giorni di gare, quando arriva quell’applauso ha il suo significato. Siamo consci che il Campionato è arrivato un po’ presto nel calendario delle gare, ma tenevamo davvero molto a che si disputasse a Ravenna. Dopo l’edizione dell’anno scorso al Gese, quest’anno il Comitato ha voluto puntare sul Ravennate per offrire ai concorrenti quella varietà di terreni che fa poi la quota del fascino del completo. Dove la prova di campagna e quindi il suo tracciato, svolgono un ruolo importante.

Da completista posso dire che i percorsi di Fiorentini per questo Campionato regionale sono stati quelli di completi veri, opinione condivisa anche dal delegato tecnico Luciano Cantini».

Ma una gara non è solo dettagli tecnici o risultati – importantissimi per i concorrenti ma già in archivio il giorno dopo la fine della gara. Una gara, anzi, una buona gara è fatta anche di momenti speciali e sensazioni…

«Sono rimasto molto favorevolmente colpito dalla premiazioni – continua il presidente Sassi. – Mi sono proprio piaciute. Tutti i premiati a cavallo, un cerimoniale ben ragionato… Insomma, l’intera liturgia di un momento speciale. Che è poi ciò che ogni podio rappresenta: il raggiungimento di un obiettivo per il quale c’è dietro tutto un lavoro… Ecco, al Ravennate questo momento è stato celebrato davvero bene. E mi sono accorto che non sono stato l’unico ad apprezzare. Perfino il pubblico venuto da fuori, i genitori, gli altri cavalieri hanno applaudito e non si sono persi neppure una premiazione. Molti ragazzi mi hanno perfino chiesto di fare foto con loro e i loro genitori accanto al podio… Bello no?».

Tirate le somme quindi, si è trattato di un Campionato a segno più, per il quale il presidente Sassi si è sentito di esprimere i suoi personalissimi complimenti, nonché quelli del Comitato Fise Emilia Romagna, al Comitato Organizzatore C.I. Ravennate – Presidente Renato De Lorenzi, al delegato tecnico Luciano Cantini, al corpo giudicante composto da Agostino Guerisoli, Massimo Petaccia, Stefania Rizzardo Argenton, Roberto Gatti, Anna Di Chio, Luigi Favaro, Adelmo Mazza, alla steward Cristina Sacchi e alla segreteria di Marina Cima.

«La mia cartolina preferita di questo Campionato? Quella con i sorrisi dei ragazzi, dei loro istruttori e del pubblico» ha concluso Sassi lanciando l’appuntamento al prossimo Campionato in regione, ovvero quello di salto ostacoli di fine maggio, subito dopo Piazza di Siena.