L’eccezionale normalità di Roberto Arioldi