Scommesse, criptovalute e AI: un mix che fa paura

Le nuove frontiere del gioco interessano anche il mondo dell’ippica e dei cavalli, dove si parla sempre più spesso delle potenzialità del mercato dell’AI e delle cripto-scomesse

Bologna, 21 giugno 2024 – Il mondo delle scommesse sportive ha sempre avuto un fascino particolare. Competitivo e appassionato da un lato, più oscuro e temibile dall’altro. E il mondo dei cavalli non fa eccezione. Anzi…

Fermo restando la condanna tassativa verso qualsiasi sfruttamento delle ludopatie, è notizia del momento che la triangolazione tra AI, criptovalute e cavalli sta vivendo un momento di particolare favore.

Gli scommettitori appassionati di ippica stanno sempre più affacciandosi al mondo del cripto-betting che, con il supporto dell’intelligenza artificiale, pare consenta un’esperienza di scommessa sempre più sofisticata.

In pratica, l’AI utilizza algoritmi avanzati che analizzano grandi quantità di dati per fornire previsioni accurate e consigli personalizzati. Questa tecnologia garantisce che le strategie di scommessa siano informate dalle intuizioni in tempo reale, rendendo le cripto-scommesse più coinvolgenti.

Di sicuro non coinvolgenti come assistere alla presentazione al tondino. O come gustare il profumo dei cavalli. E neppure come l’emozione di un arrivo al fotofinish… Ma tanto è che certe cose non tornano. E se il futuro sta sui monitor, che almeno sia il più verosimile possibile.