Wbfsh: chi è l’allevatore del terzo millennio?

Con la continua evoluzione delle tecniche allevatoriali e il cambiamento delle normative internazionali, gli allevatori sentono l’esigenza di ridefinire il perimetro della propria professione

Bologna, 1 dicembre 2023 – L’allevamento ha subito cambiamenti significativi nel corso degli anni e ogni allevatore ha oggi più libertà nella scelta di quale libro genealogico scegliere per registrare i propri puledri. Il commercio di embrioni attraverso i confini internazionali è aumentato in modo significativo. Si è diffuso l’uso di madri surrogate per gli embrioni o per l’iniezione intracitoplasmatica di sperma (ICSI). Molti libri genealogici non richiedono più certificati di monta….

Tutti questi sviluppi, secondo l’autorevole World Breeding Federation of Sport Horses hanno portato alla necessità di ridisegnare la definizione di chi sia il legittimo allevatore di cavalli.

Dietro la spinta di questa esigenza, la Wbfsh ha presentato recentemente una proposta per adeguare la definizione di allevatore di cavalli. Che vi proponiamo così come è stata formulata.

La proposta Wbfsh

“Una persona potrà essere registrata come allevatore di un puledro in un libro genealogico se tale persona, che ha scelto l’accoppiamento genetico, possiede ancora il puledro al momento della nascita. Se l’allevatore ha venduto la cavalla gravida o ha trasferito l’embrione prima della nascita e desidera essere registrato come allevatore, deve stipulare un accordo con il nuovo proprietario. Questo nuovo proprietario, responsabile della nascita del puledro, deve informare il libro genealogico della nascita e registrare il puledro. Il libro genealogico a cui ci si rivolge per la prima volta per registrare il puledro deve ottenere una chiara conferma dalla persona o dall’ente che presenta la richiesta di registrazione. Ciò è necessario per determinare quale persona o entità sia autorizzata a essere registrata come legittimo allevatore del puledro”.

Dettagli di lana caprina? Forse… Ma rimane il fatto che tra gli allevatori, la ‘paternità’ di un dato incrocio è questione di capitale importanza in fatto di prestigio. E di ‘referenza’ commerciale.

Per chi desiderasse addentrarsi nella materia, la Wbfsh ha recentemente pubblicato un interessante report sullo stato del segmento allevatoriale del cavallo sportivo 2022-2023. Per scaricare il documento (pdf in inglese) CLICCA QUI